Resoconto consiglio comunale del 30 Novembre 2016

consiglio-streaming

Cari concittadini, di seguito il resoconto dell’ultimo consiglio, svoltosi in data 30.11.2016 dalle ore 19:00, presso la casa comunale di Canepina, che come noto non è possibile trasmettere in diretta streaming audio video per volere di questa maggioranza.
Come al solito la documentazione sui punti all’ordine del giorno è arrivata ai consiglieri con notifica datata 25.11.2016, e quindi abbiamo avuto solo 5 giorni per prenderne visione.

Come primo punto all’ordine del giorno, approvazione verbali sedute precedenti relativi alla seduta svoltasi il 10 Agosto 2016. Essendo trascorsi 3 mesi e mezzo dall’ultimo consiglio, ci siamo riuniti per rileggere i verbali durante l’incontro settimanale degli attivisti. Ci siamo recati, come farebbe ogni cittadino, sul sito del comune alla sezione albo pretorio, ed alla sezione delibere e determine. Ricordiamo infatti che sul sito del comune ci sono 2 aree in cui è possibile accedere agli atti, cosa molto strana e non completamente trasparente. La cosa interessante è che i verbali della seduta consigliare del 10 Agosto non sono presenti on line ne su una ne sull’altra sezione. Non abbiamo quindi avuto modo di leggerli nella nostra riunione. Il segretario comunale ci ha rassicurato che tali verbali sono stati pubblicati sul sito del comune di Canepina e pubblicizzati per 15 gg successivamente al consiglio del 10 Agosto, come previsto dalla legge. Quindi rispettata la legge, non ci spieghiamo il motivo per cui una volta pubblicati vengano rimossi. Quindi se oggi un cittadino, volesse accedere agli atti del consiglio del 10 Agosto, non può farlo dal sito, ma deve recarsi presso la casa comunale e fare richiesta. Tutto questo perché? Perché la maggioranza, che è così preparata, teme le domande che durante il consiglio, noi portavoce 5 stelle potremmo porre! Ci siamo quindi espressi in maniera contraria all’approvazione dei suddetti verbali, non avendo potuto leggerli.

Il secondo punto all’ordine del giorno prevedeva la surroga del consigliere dimissionario Manuela Benedetti. La portavoce Manuela Benedetti che per 2 anni ha fatto parte del gruppo M5S Canepina, non potendo più assolvere alle mansioni di consigliere a tempo pieno, per motivi di lavoro, ha preferito dimettersi per dare spazio al successivo portavoce, restando comunque in forza al gruppo come attivista. Entra quindi al suo posto la portavoce Francesca Proietti che è la successiva eletta per voti subito dopo. Manuela ha protocollato le dimissioni in data 22.10.2016 data dalla quale decorrono i 10 giorni in cui il consiglio deve ENTRO e NON OLTRE deliberare la surroga del consigliere come cita il comma 8 dll’art.38 del TUEL

8. Le dimissioni dalla carica di consigliere, indirizzate al rispettivo consiglio, devono essere presentate personalmente ed assunte immediatamente al protocollo dell’ente nell’ordine temporale di presentazione. Le dimissioni non presentate personalmente devono essere autenticate ed inoltrate al protocollo per il tramite di persona delegata con atto autenticato in data non anteriore a cinque giorni. Esse sono irrevocabili, non necessitano di presa d’atto e sono immediatamente efficaci. Il consiglio, entro e non oltre dieci giorni, deve procedere alla surroga dei consiglieri dimissionari, con separate deliberazioni, seguendo l’ordine di presentazione delle dimissioni quale risulta dal protocollo. Non si fa luogo alla surroga qualora, ricorrendone i presupposti, si debba procedere allo scioglimento del consiglio a norma dell’articolo 141.

Invece di deliberare la surroga del consigliere dimissionario entro e non oltre i dieci gg previsti, ci hanno messo più di un mese. Il segretario comunale ci ha spiegato che per ragioni di economia, hanno preferito far slittare la surroga al primo consiglio utile, per evitare di farne 2. Benissimo, la nostra domanda è, la legge ci consente di ignorare i 10 giorni previsti restando nei termini di legge oppure a Canepina ce la cantiamo e ce la suoniamo come ci pare? A voi le conclusioni, noi le nostre ce le abbiamo chiare. Ad ogni modo benvenuta a Francesca Proietti, tra le fila dei portavoce al consiglio comunale di Canepina.

I punti 3 e 4 riguardavano delle variazioni al bilancio di previsione,restiamo contrari ad ogni tipo di assestamento che lo riguarda. Ci preme sottolineare come il modo di operare di questa amministrazione continua ad essere di scarso o nullo coinvolgimento delle rappresentanze politiche. I bilanci e gli assestamenti vari arrivano sempre in consiglio a conti fatti, senza mai passare per l’apposita commissione bilancio, istituita ma mai convocata, dove si potrebbe instaurare un tavolo di confronto che evidentemente a questa maggioranza non interessa. Come abbiamo detto sopra, a Canepina se la cantano e se la suonano da soli. Bene andiamo avanti.

Il quinto punto all’ordine del giorno, riguardava delle disposizioni relative agli ascensori in dotazione al comune di Canepina. Disposizioni tecniche e abbastanza articolate sulle quali non siamo entrati nel merito avendo ricevuto come detto sopra, la documentazione solo 4 giorni prima del voto in consiglio quindi ci siamo astenuti. Rimarchiamo di nuovo il tema delle tempistiche di convocazione e consegna dei materiali, ci siamo tornati più volte, ma come vedete questo è l’ennesimo esempio, di un regolamento scritto e presentato già pronto, contenente articoli tecnici, sui quali non si può approfondire in cosi poco tempo. Queste sono le condizioni in cui oggi un consigliere comunale di minoranza si trova ad operare.

Il penultimo punto riguardava la convenzione tra comune di Canepina e comune di Capodimonte per usufruire del responsabile dell’area tecnica del comune del suddetto comune, inquadrato in categoria D. Dopo il pensionamento dell’ingegner Nardi (categoria D), tre anni dopo, questa amministrazione ha fatto l’ennesima scelta onerosa a carico dei cittadini. Essendo già presente in pianta organica del comune di Canepina un dirigente categoria D, e quindi un dirigente che possa assumersi la responsabilità di capo area tecnica, si sarebbe potuto optare per una collaborazione con un geometra di supporto, che avrebbe lavorato nel detto ufficio tecnico sotto la guida del geometra già dipendente del nostro Comune. Due dirigenti categoria D nell’ufficio tecnico del comune di Canepina a cosa servono… dovranno progettare la diga del fosso corniente, o forse quella del salto della Ripa?
Abbiamo un altro punto all’odg aggiunto nelle ultime 24 ore prima del consiglio, per il quale quindi, i relativi documenti sarebbero dovuti essere a disposizione entro le 48 ore dal consiglio, ma così non è stato.
il punto è molto importante e riguarda il piano di emergenza del comune di Canepina, documento preso in considerazione dall’attuale maggioranza in continuità con le precedenti, con un ritardo di almeno 15 anni! Avrebbero voluto che noi ne avallassimo il contenuto, con una certa fretta, puramente per motivi di urgenza economica, nel giro di 24 ore!!! Anche in altri consigli dei comuni limitrofi, le minoranze hanno avuto lo stesso trattamento e pertanto non avendo potuto visionare il piano, non hanno di certo votato a favore, ad un piano servito a scatola chiusa. Sollevato il problema della legittimità di poter inserire un argomento all’ogd in sole 24 ore, e senza preavviso il segretario comunale ci ha delucidato circa l’inserimento di tale argomento inquadrabile come argomento da consiglio d’urgenza e ci ha caldamente consigliato di discutere e approvare in fretta poiché il comune non poteva di certo permettersi di perdere l’opportunità di un finanziamento regionale previsto per la stesura del piano di emergenza. Il portavoce Bocchino ha giustamente fatto notare che il rischio di perdere l’opportunità di questo finanziamento non dipende dal fatto che stiamo dibattendo sulla legittimità o meno di inserire il punto all’ordine del giorno, a ridosso della scadenza del finanziamento stesso, ma dipende dall’operato della maggioranza, che si è svegliata solo un giorno prima della scadenza dello stesso. Forse proprio per farlo passare in fretta senza coinvolgere la minoranza come spesso accade? Per questo motivo ci siamo espressi in maniera contraria al piano di emergenza, che sottolineamo, siamo andati in consiglio a votare senza averne avuto copia, senza averlo potuto nemmeno visionare.

VARIE ED EVENTUALI:
Abbiamo interrogato il sindaco su questi argomenti segnalati e che riguardano la quotidianità di tutti noi canepinesi:
Una delegazione di cittadini proprietari di terreni dislocati in località pian di Genoa, ci hanno fatto pervenire una lettera già protocollata a luglio all’attenzione del sindaco in cui segnalavano disagio presso la strada comunale antistante i terreni, causato da rami e terriccio proveniente da un terreno privato, che raggiungendo la strada la rendeva pericolosa. I cittadini ci hanno comunicato di non aver avuto seguito alla segnalazione inviata al sindaco a Luglio. Il sindaco invece ci risponde che è tutto apposto, è stato fatto un intervento a suo tempo e non c’è alcun pericolo a livello di viabilità, invitandoci a fare un sopralluogo. Ai cittadini che ci hanno interpellato rispondiamo quindi, che per quanto riguarda questa amministrazione comunale il caso è chiuso.
Abbiamo poi sollevato il tema della sostituzione dell’autista scuolabus, servizio in appalto alla “cooperativa avvenire”; questa segnalazione,che dal punto di vista del sindaco non avrebbe creato un disservizio alla cittadinanza, per noi lo è eccome!!! Non è forse giusto che le famiglie che conoscono già da tempo un uomo, un lavoratore, una persona che è parte integrante della quotidianità di una comunità e pagata con i soldi pubblici, debbano sapere perché questa persona venga sostituita? A nostro avviso non è una scelta della cooperativa, come la maggioranza voglia, in via ufficiale, pubblicizzare, anche perché in sede di consiglio è uscito proprio dai banchi della maggioranza, che la scelta dei lavoratori della cooperativa viene fatta dalla maggioranza stessa, poi rettificando parzialmente “che loro fanno delle segnalazioni dei nomi alla cooperativa”.
Noi riteniamo che non si possa guidare un mezzo pubblico con bambini a bordo, per qualche mese e poi… cambio!!!
…si deve conoscere il mezzo, il giro, i bambini e le loro peculiarità…
Ma sono anche queste scelte dell’amministrazione comunale in carica… ops.. scusate abbiamo sbagliato… sono le scelte della cooperativa avvenire!!!

Al prossimo consiglio comunale
M5S Canepina

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>