M5S Canepina: Aliquota TASI al massimo e aumento dell’IMU per i Canepinesi

tasi-aliquota-tassa-casa-770x400

Opposizione contro il sindaco Moneta: “In periodi come questo andrebbero analizzate soluzioni alternative all’aumento delle tasse”

 

CANEPINA — Nel Consiglio Comunale di Lunedì 8 Settembre, il sindaco di Canepina , Aldo Maria Moneta e la maggioranza da lui guidata hanno approvato le nuove tariffe TASI e IMU nonostante  l’opposizione abbia fortemente contestato tale decisione e proposto di analizzare soluzioni alternative, tramite un’accurata analisi dei costi e delle spese a bilancio.

La proposta introdotta dal Sindaco è quella di aumentare l’IMU a 9.80 x 1000 e introdurre la nuova TASI con aliquota al 2.5 x 1000 (che corrisponde al massimo applicabile senza detrazioni).

Per il MoVimento 5 Stelle espone il Consigliere Comunale Sante Bini facendo notare alla Maggioranza che “in questo periodo di crisi è assolutamente inopportuno aumentare la tassazione per i cittadini, bensì sarebbe molto più indicato andare a ridurre i costi attraverso un’accurata analisi del bilancio, prevedendo ove possibile tagli e contenendo gli sprechi”. Prosegue il capogruppo di minoranza Armando Paparozzi rimarcando il fatto che “conti alla mano, rispetto allo scorso anno, questa manovra porterà un gettito di oltre 200.000€ in più sulle spalle dei Canepinesi”. La maggioranza resta ferma sulla proposta del Sindaco e dichiara questa manovra come “necessaria per il pareggio di bilancio”. Il MoVimento 5 Stelle si è più volte opposto sostenendo che il gettito previsto è troppo elevato e che questo disavanzo non può ricadere in toto sulle spalle dei cittadini specialmente in virtù del fatto che sulle aliquote TASI i Comuni godono di ampia autonomia, poiché la legge di riferimento ne consente l’azzeramento totale. I Comuni possono azzerare del tutto la Tasi, evitandone l’applicazione e manovrando solo le aliquote Imu, o eseguendo manovre di pianificazione al bilancio che tendano a ridurre i costi e le spese. La linea del Sindaco e della maggioranza è stata irremovibile e dopo aver dichiarato di eseguire questa manovra a malincuore e per mero “atto di responsabilità” vista la necessità di fare cassa per conseguire il pareggio di bilancio, restando sordi alle critiche dell’opposizione, approvano le delibere (consultabili qui e qui) che determineranno le tasse comunali che i cittadini saranno presto chiamati a pagare. Voto contrario da parte dei 4 consiglieri del MoVimento 5 Stelle che si riservano di proporre emendamenti in fase di approvazione del bilancio, e nel frattempo ci si interroga anche su come sia possibile avere necessità di un introito di circa 200.000 € in più rispetto all’anno scorso, quando è stato dichiarato a bilancio dalla precedente amministrazione Palozzi,  un avanzo di amministrazione addirittura superiore a tale cifra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>